Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione
Università degli Studi di Lecce

Servizio di Prototipazione Rapida presso il
Laboratorio Materiali Polimerici

SERVIZIO

Un Prototipo in 20 Ore

Contattaci

Home







Dipartimento di Ingegneria
dell'Innovazione


Università di Lecce

STEREOLITOGRAFIA

Stereolitografia significa letteralmente "stampa in tre dimensioni". La tecnica permette di realizzare in tempi brevi oggetti di forme anche molto complesse attraverso il trasferimento diretto di files CAD alla macchina di produzione, eliminando la fase intermedia di produzione di stampi. Come in tutti i processi di solid free form fabrication (SFFF) il prototipo è costruito per aggiunta successiva di particelle o strati fino ad ottenere la forma voluta (processi additivi), piuttosto che per sottrazione o taglio di materiale da un blocco omogeneo. Ormai tutti gli applicativi CAD sono dotati della funzione di esportazione in formato ".stl". Un software elabora questo tipo di files e restitusce una ricostruzione a strati del pezzo. Gli oggetti sono ottenuti polimerizzando sezione per sezione una resina fotoattivabile di bassa viscosità con un fascio laser (in genere He-Cd o Ar). Il movimento del laser e&grave controllato dalla macchina di produzione in base alla specifiche del CAD. Il pezzo viene costruito partendo dal basso. Generato il primo strato, il supporto su cui viene costruito il pezzo si abbassa ad una profondità dal pelo libero della resina pari allo spessore di uno strato. Lo strato successivo viene direttamente realizzato sul precedente, fino al completamento del processo. Si può pensare a un sistema di impilamento di sezioni dell'oggetto. Ulteriori dettagli sulla tecnica in Rapid prototyping: an overview

Lo stereolitografo SLA250/50.

Presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione dell'Università di Lecce, è in funzione un apparato SLA250/50 della 3D System Inc( foto in alto) . Lo strumento permette di realizzare oggetti delle dimensioni massime di 250x250x250 mm. Il sistema è provvisto di laser He-Cd con potenza massima di 35mW distribuita intorno alla lunghezza d'onda di 325nm. I componenti fondamentali sono il laser, la camera di processo, il pannello di comando, l'applicatore di ricopertura, il sistema ottico e il computer di controllo. A corredo è disponibile una camera di post cura (foto in basso). La macchina lavora con resine di adeguata fotoreattività e viscosità commercialmente disponibili. Vedi Un Prototipo in 20 ore


Stereolitografo 250-50


Camera di post cura a UV